Elogio del limite

di 21 Aprile 2020 libri
ibs

di Fabrizio Pistoni

Descrizione
“Sogna in grande e osa fallire” queste le parole che il protagonista si ripete la notte prima dell’inizio del Tor des Géants: 330 chilometri di corsa (24.000 metri di dislivello) che si snodano attraverso il parco nazionale del Gran Paradiso e quello regionale del Monte Avic, toccando le due Alte Vie della Valle d’Aosta. Una competizione no-stop dove fermarsi per dormire significa perdere posizioni e le gambe non bastano, la forza di volontà non basta, il coraggio è un mero accessorio, l’allucinazione una risorsa a cui attingere. Serve avere coscienza del limite, accettare la fragilità del proprio corpo e della propria mente, affrontare e superare le crisi. Fabrizio Pistoni ci racconta la sua esperienza in presa diretta, in un monologo interiore lungo quanto la corsa, registrando la fatica, gli incontri, le evoluzioni e involuzioni del pensiero, i morsi della fame, la sofferenza, i silenzi, i paesaggi mozzafiato di una montagna immobile e pura.

Consigliato da Marta Pigozzi

Ciao Amici, vi consiglio la lettura del libro
“Elogio del Limite. Sogna in grande e osa fallire – divagazioni sull’arte di correre” scritto da Fabrizio Pistoni.
Un libro di quelli che non smetteresti di leggere, Fabrizio racconta la sua esperienza di partecipante al Tor de Géants, una gara estrema di corsa no-stop di 330 km con un dislivello di 24.000 m che si snoda attraverso il Parco Nazionale del Gran Paradiso e quello Regionale del Monte Avic. Racconta ciò che gli passa per la mente: la fatica, la sofferenza, gli incontri, i silenzi, le emozioni in un paesaggio incredibile e mozzafiato che ti entra nell’anima. E’ un diario di viaggio colmo di racconti introspettivi, non ci sono molti riferimenti all’organizzazione della gara ed al mondo del Trail.
Fabrizio, con tutte le divagazioni filosofiche e le riflessioni che compie durante il tragitto, ti riesce a portare dentro “quel” viaggio, a farti emozionare leggendo ogni pagina e a farti innamorare di questa gara. Un libro per capire quanto sia importante aver coscienza del limite, accettare la fragilità del proprio corpo e della propria mente, affrontare e superare la crisi.
“Sogna in grande e osa fallire” queste le parole che il protagonista si ripete la notte prima dell’inizio… Un libro che sfoglio e rileggo a tratti, prima di ogni mia competizione importante in quanto capace di darmi la giusta carica e motivazione.

Marta Pigozzi