Stretching e Flessibilità

di 4 Gennaio 2021 libri

di Maurizio Tripodi

Descrizione

“Stretching e Flessibilità” di Maurizio Tripodi, è un manuale che spiega le caratteristiche di una capacità motoria fondamentale per la salute e la performance di chi fa sport, la Flessibilità.

Tutti noi facciamo stretching e tutti siamo convinti che ci faccia stare bene, ma è vero o no?  A tutti noi è stato consigliato di migliorare la nostra flessibilità, ma ci serviva veramente? Questo libro ha il difficile compito di spiegarvi cosa c’è dietro lo stretching che facciamo prima o dopo l’allenamento, perché ci serve, e se ci serve realmente.

Il libro introduce tutti i fattori strutturali e fisiologici che condizionano questa nostra capacità, e ci mostra quali sono le metodologie di allenamento a disposizione per migliorarla. Non il solo Stretching in tutte le sue forme, ma anche il self myofascial release, ancora sconosciuto ai più.

Si può definire come un manuale di istruzioni per l’uso per la programmazione dell’allenamento della flessibilità. Testo utilizzato dagli studenti di scienze motorie del primo anno, è un libro utilissimo per tutti gli appassionati di sport che vogliono sapere il come allenarsi nel modo migliore senza perdere tempo.

Probabilmente alcuni di voi mi conoscono bene, dato che lavoro da anni sul territorio saronnese.

Dopo la laurea magistrale in scienze motorie rivolta all’attività preventiva ed adattata, ho lavorato presso il centro medico Meditel di Saronno e svariate palestre, con persone di ogni tipologia ed esperienza pregressa, dal giovane atleta professionista all’anziano sedentario. Da nove anni sono docente nel corso di laurea di scienze motorie dell’Università Cattolica del Sacro cuore di Milano.

Ho voluto mettere nero su bianco tutte le sue conoscenze teoriche e pratiche sullo stretching, argomento che spesso è affiancato al concetto di salute, alle volte anche in modo improprio.

Consigliato da Anna

Questo libro mi ha aiutato a capire cosa vuol dire fare stretching e migliorare la flessibilità.

Nella prima parte molto teorica si spiega cos’è la flessibilità come viene classificata e cosa rappresenta, ho capito da questa lettura che usavo impropriamente termini come “flessibilità” oppure “elasticità”. Successivamente il libro racconta quali sono i fattori che limitano la flessibilità, e come questi posso condizionare la nostra salute o la nostra performance. Mi ha molto incuriosito la parte dove vengono descritte le evidenze scientifiche che si hanno sull’argomento, ho capito finalmente cosa si conosce realmente di questa capacità.

La seconda parte del libro è molto pratica, prima spiega nel dettaglio come utilizzare i foam roller, e tutti gli altri attrezzi che servono allo svolgimento del self myofascial release, e poi si da spazio allo stretching in tutte le sue forme. Il testo non si limita a dare dei protocolli di allenamento, ma da gli strumenti per costruirsi un proprio programma di allenamento della flessibilità in base alle proprie caratteristiche.

Finalmente ho capito quando è più intelligente utilizzare lo stretching dinamico e quando lo statico, e soprattutto quando buttavo via tempo con stretching inutile. Suggerisco la lettura di un libro che apre a una nuova visione dell’argomento, che non si limita a 4 esercizi fatti prima e 4 esercizi fatti alla fine della mia corsa, lo stretching vuol dire molto altro.